Cuori infranti, errori, fughe

A inizio settimana si è concluso quello che spero sia l’ultimo capitolo dell’infinita saga del p.d.m. Sta durando talmente da tanto che ormai anche io, che sono un osso duro, mi sono stufata. E non smetterò mai di invidiare chi è capace di recidere di netto certi rapporti ormai tenuti in vita solo dalle macchine.

Non è che morissi dalla voglia di parlare, ma mi sembrava giusto farlo: avevo richiesto una pausa per un periodo di tempo, avevo detto che non era per sempre, e ritenevo doveroso, o quantomeno onesto, fare il punto della situazione. Avrei potuto far finta di niente, sparire nell’ombra. Puntare sul poco chiaro e sul non detto, ma poi mi sarei abbassata al suo livello. Il livello di uno che non ha aspettato un secondo per rilanciare le sue accuse classiche (“non ho più amici per colpa tua” – eh?), come se le sue scelte di vita le dettassi io, o gli avessi messo contro il dipartimento – e tutto ciò senza esserci e/o parlare di lui. Come direbbe Abatantuono: so maco.

Anche solo per questo ci tenevo al confronto. Che nella mia testa avevo immaginato in maniera ben precisa: ci sarà un bivio, e dovremo decidere se ritentare o mollare. Ed ero in cuor mio sicura che l’una o l’altra scelta sarebbero andate bene.

E invece non c’è stato un bel niente di definitivo. Come sempre, nel suo caso. Il solito disco rotto: se non diventi amica di lei, non potremo più vederci. Lei, stupendamente insicura, che teme un fantasma.
“Non capisce perché la eviti, pensa che tu faccia così perché ti ho spezzato il cuore”.
“Ma tu mi hai spezzato il cuore”.
Silenzio.
“Anche gli amici ti possono spezzare il cuore”.
Segue breve spiegazione di come funzionano le amicizie, e caduta delle mie braccia nel farlo. Non c’è speranza.

E quindi, alla fine, mi ci sono adeguata al suo livello di merda. Ho detto che certo, alla prossima occasione avrei interagito con questa incredibile frantumamaroni, sperando neanche troppo segretamente che qualcosa venga a prendermi prima che ciò accada.
Di conseguenza, ora si capisce anche meno di prima. Cosa si fa? Se non si trova l’occasione per sbloccare il livello “fidanzata cagacazzo” ci si continua ad ignorare come prima?
Me ne sono andata da quel tavolino ancora più scoraggiata e scoglionata di prima, amareggiata per aver fatto l’unica cosa che non avrei dovuto fare. Arrabbiata per questo stupido errore.

E poi, come per magia, mi sono imbattuta in questo post del blog di Linus, che conteneva una delle grandi perle di saggezza di Aldo Rock, che condivido qui. Soprattutto per ricordarmi di essere più buona con me stessa.

Caro Uomo,
come dice il “maestro”, “Non ci sono errori nella vita”.
Ogni errore è un destino, apre porte che altrimenti sarebbero rimaste chiuse.
Auguri
Aldo Rock

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Fannes
    Gen 14, 2016 @ 16:31:49

    Non mi sembra che aver investito in petrolio lacerando la busta paga di dicembre, la tredicesima, e gli straordinari in piscina, mi abbia aperto delle porte. XD

    Rispondi

  2. Trackback: Ho perso le parole | L'apposita cappelliera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: