London calling (ma il mio telefono è occupato)

Per la prima volta, mi cimento in un post “su commissione” (!).
Farovale trascorrerà alcuni giorni a Londra, e giustamente mi dice che basta parlare di Milano, parliamo di Londra!
E quindi lo faccio, attingendo a piene mani dalla mia vita precedente.

Quando vivevo a Oxford, Londra era un po’ la mia ancora di salvezza. Il pullman che passava vicino a casa e funzionava quasi 24 ore al giorno era un’ottima maniera di scappare dalla campagna e raggiungere la metropoli, anche solo per una cena (hint hint: se c’è tempo, Oxford è un’ottima meta per una gita in giornata).

Nonostante resti in me la sensazione di non aver visto abbastanza, posso fare una lista essenziale di quei posti e quelle esperienze che sicuramente consiglierei ad un visitatore:

  • Hampstead: da sempre il mio quartiere londinese preferito, nonché quello dove mi trasferirei seduta stante (se fossi milionaria). Ne avevo già un po’ parlato in un mio vecchio post, elogiando le bellezze del suo parco più grande, Hampstead Heath (i più coraggiosi potrebbero anche voler fare un tuffo nei Ponds).
    Hampstead è anche il quartiere dove si trova la casa del mio poeta romantico preferito, John Keats. La Keats House è un luogo delizioso, e da non perdere per chi apprezza le sue opere. Passeggiando nel giardino, è facile immaginare come siano nate alcune delle sue poesie più celebri, come ad esempio la Ode To Autumn.
  • I grandi musei: sarò banale, ma British, National Gallery e Natural History Museum meritano una visita. Sempre. Il British, in particolare, viste le dimensioni, è la scusa perfetta per tornare a Londra. Un giorno ne visiti una sezione, al viaggio successivo ne visiti un’altra…
  • Torre di Londra: fino a 2 anni fa, ero una acerrima nemica di quella che ritenevo un’attrazione inutile e costosa. Sbagliavo, e sono felice di ricredermi. Costosa lo è senza dubbio, ma è anche un luogo dove è facile trascorrere una mezza giornata abbondante, essendoci un sacco di cose da fare e vedere. Senz’altro imperdibile il tour guidato da uno Yeoman (nel mio caso, l’unica donna Yeoman del regno – la cui foto appare anche nei manifesti di benvenuto arrivando a Heathrow), che dà una bella panoramica di questo edificio e della sua storia, complessa e spesso assai triste. All’interno, la chiesa di San Pietro ad Vincula ospita, tra le altre, le sepolture di un buon numero di persone che non stavano molto simpatiche a Henry VIII (Anne Boleyn, Catherine Howard, Thomas More, tanto per citarne qualcuno). Sì, ci sono anche da vedere i gioielli della corona. Ma forse sono la cosa meno interessante (almeno per me).
  • Spitafields Market: premesso che non sono una grande fan dei mercati, questo è forse uno dei più interessanti che ho visto. In zona Liverpool Street Station, è un vecchio mercato coperto vittoriano, risistemato per accogliere boutique di abbigliamento vintage e un sacco di posticini carini per rifocillarsi.
  • Brixton: è il classico esempio di gentrificazione. Fino a pochi anni fa, non era una zona raccomandabile (per info, chiedere ai Clash). Ora è un quartiere trendy, con un bel mercato coperto e una venue per concerti storica, la O2 Academy.
  • Silent Disco: una delle mie attività preferite a Londra. In cima allo Shard, tre DJ si sfidano a colpi di musica pop, rock e house. I partecipanti, muniti di cuffie, possono scegliere su che canale sintonizzarsi, e su quale musica ballare. Divertimento assicurato (soprattutto quando ti togli un attimo le cuffie e senti la gente che canta a squarciagola, oppure osservando i tuoi amici che ballano tutti in maniera diversa in base a cosa stanno ascoltando), e con in più il vantaggio della location panoramica. Biglietto un po’ caro, ma son soldi davvero spesi bene.
  • Supper club: non è una cosa squisitamente londinese, ma di sicuro Londra offre moltissime possibilità per queste cene “social” in compagnia di sconosciuti. Il concetto è semplice: uno chef decide di testare un menu, o di organizzare una piccola cena privata al di fuori del suo ristorante, posta l’evento sulla piattaforma dedicata (io usavo Eatwith), e gli affamati avventori si possono prenotare. Il menu è fisso, e si possono comunicare eventuali allergie per adattarlo, se necessario. Si può finire a casa dello chef stesso, o in un ristorante nel giorno di chiusura, o in un altro spazio, ad esempio in una galleria d’arte. Io ho provato una cena a base di zucca da uno chef mantovano (!), che ci ha ospitati a casa sua in zona Elephant & Castle (una di quelle zone che non avrei visitato per nessun altro motivo…), ed una cena gourmet in un pop up restaurant allestito all’interno di un caffè di Queens Park. Entrambe esperienze molto piacevoli, sia per il cibo sia per la compagnia. Ovviamente, trattandosi di cene con sconosciuti, c’è sempre un piccolo rischio di ritrovarsi a tavola con gente insopportabile o personaggi quantomeno bizzarri. Ma fa parte dell’avventura!

Nella speranza di fare cosa gradita, auguro buon viaggio (e attendo resoconto 🙂 )

Innamorarsi a Milano (part 2)

A poco più di un anno fa risale uno dei miei ultimi post, che parlava, tra le altre cose, delle mie scorribande in giro per Milano. Si intitolava “Innamorarsi a Milano“, e riassumeva il mio rapporto di amore-odio con la città. Un rapporto che cominciava più a propendere verso l’amore, o quantomeno l’apprezzamento (“io ti amo, e poi ti odio, e poi ti amo, e poi ti odio, e poi ti apprezzo” come cantavano gli Elii).

La mia personale guida milanese è forse la ragione principale che mi spinge a cercare di trovarmi spesso in area meneghina, per le più disparate ragioni (lavoro, matrimoni organizzati a centinaia di km di distanza – ma per arrivarci devo passare da lì… – concerti, treni in coincidenza…).
La mia personale guida milanese è il classico “ragazzo da sposare”: intelligente, gentile e cortese con tutti, disponibile anche con i miei amici a rimorchio, sempre sul pezzo se c’è da organizzare qualcosa per la mia permanenza, dal trasporto alla cena alla visita culturale. Devi raggiungerlo a casa? Ti viene a prendere in stazione. Si deve uscire presto la mattina e non ti può fare il caffè? Ti paga la colazione al bar.
Mi sento di affermare con un 98.7% di sicurezza che quasi qualsiasi donna che abbia avuto a che fare con lui se ne sia innamorata. E’ il sogno proibito delle mie amiche che l’hanno conosciuto quando l’ho conosciuto io, e ha fatto innamorare le mie amiche che non lo conoscevano fino a poco tempo fa. Nella mia classifica degli uomini da sposare si trova al terzo posto, dietro a Hugh Jackman (foto mia!) e Keanu Reeves. E sento di avere molte più probabilità di sposare Keanu Reeves.
Perché lui non ha bisogno di nessuno. O almeno, questa è la teoria delle sue fans. Non gioca nell’altra squadra. Semplicemente, non gioca. Il ché è un vero peccato, ma, allo stesso tempo, una consolazione. Al grido di “mal comune mezzo gaudio”, penso che, se non posso averlo io, è giusto che non possa averlo nessuna. Tiè!

A parlarne così, forse sembro davvero innamorata. Non lo sono. Nella mia testa è tutto ordinato in maniera razionale. Mi piacerebbe illudermi, ma mi sa che sono troppo vecchia e indurita. Per il momento, mi basta qualche serata insieme. Un aperitivo a casa e lavare i piatti, ascoltare musica di merda, chiacchierare. Gingillarsi col pensiero di ciò che non sarà mai, senza perdere il controllo.

Side note: a seguito dei miei ultimi scritti, che risalgono al viaggio a New York dell’anno scorso, segnalo poco.
1. Ho finalmente friendzonato una persona che mi stava addosso da mesi. Non sapevo bene come fare, dato che di solito in friendzone ci finisco io, ed è stato un processo lungo e complesso. Il risultato è che l’amicizia a mio avviso è compromessa (e vorrei sottolineare che io ero sempre stata piuttosto chiara sul fatto di non essere interessata a lui se non come amico… o almeno così pensavo). Ma direi che l’ha presa meglio del previsto, dato che i miei agenti segreti mi dicono che si è già trovato un rimpiazzo. Se questo fosse vero amore… Teniamo però conto che questa persona secondo me odia(va) la mia guida milanese (essendosi fatto dei viaggi sicuramente più grossi dei miei), quindi… Ma va va va va.
2. Sto per prenotare un viaggetto qui… Se esistesse davvero la serendipity, sul volo interno dovrei ritrovare il bel pilota di 4 anni fa… Quasi quasi prenoto di nuovo in business.

On air: The John Butler Trio – Tahitian Blue