L’estate è finita

Lo dico senza particolare tristezza, perché quest’isola dimenticata da Dio ha messo in scena una inaspettata settimana di fine estate pressoché perfetta.
OK, metà settimana l’ho trascorsa tra le quattro mura di una vecchia scuola di Leeds, ma c’era il sole, e un bel caldo (un po’ troppo caldo in effetti, per un palazzo senza aria condizionata), e la semplice sorpresa di trovarsi con temperature vicine ai 30°C, in Inghilterra, in settembre. Cose mai viste.

Se le previsioni sono giuste, tutto finirà domani. E quindi oggi mi sono concessa un ultimo sfizio: un paio di birrette in un pub all’aperto, avvolta dalla luce tenue del sole d’autunno. Abbastanza caldo da poter stare all’aperto in maglietta, ma con la sensazione di poter scorgere la foschia di ottobre all’orizzonte. Ché, ve l’ho già detto, qui l’autunno arriva prima.

In questi giorni, ho cercato di mettere in pratica il mio buon proposito di capodanno: leggere di più. Dopo anni che se ne stava parcheggiato in libreria, ho preso in mano Oceano Mare di Baricco. Un libercolo apparentemente leggero, ma in effetti leggero solo di peso. Ho cominciato a fare orecchie qua e là per ricordare i passaggi che più mi sono piaciuti. Ad oggi il più toccante è sicuramente questo:

         Perché nessuno possa dimenticare di quanto sarebbe bello se, per ogni mare che ci aspetta, ci fosse un fiume, per noi. E qualcuno – un padre, un amore, qualcuno – capace di prenderci per mano e di trovare quel fiume – immaginarlo, inventarlo – e sulla sua corrente posarci, con la leggerezza di una sola parola, addio. Questo, davvero, sarebbe meraviglioso. Sarebbe dolce, la vita, qualunque vita. E le cose non farebbero male, ma si avvicinerebbero portate della corrente, si potrebbe prima sfiorarle e poi toccarle e solo alla fine farsi toccare. Farsi ferire, anche. Morirne. Basterebbe la fantasia di qualcuno – un padre, un amore, qualcuno. Lui saprebbe inventarla una strada, qui, in mezzo a questo silenzio, in questa terra che non vuole parlare. Strada clemente, e bella. Una strada da qui al mare.

La vita sarebbe dolce.

Dolce come un ricordo.
L’altro giorno ascoltavo un podcast di Deejay Chiama Italia, e alla fine dell’intervento partiva una canzone. Immagino sia stata famosa l’anno scorso, ma per me è semplicemente la colonna sonora del mio viaggio in Australia.
Qantas ha questa bella abitudine (che sinceramente non ricordavo): creare delle playlist mensili, che suonano nella cabina durante l’imbarco e la discesa. Meglio di quella lagna alienante di British Airways, anche se devo dire che le canzoni datate di Sata Air Açores avevano un loro perché.
E allora questo pezzo, che forse era il primo della playlist, o semplicemente ha catturato la mia attenzione più di altri, per me ha il dolce ricordo di una fredda sera del novembre inglese, seguito da una calda notte del novembre di Perth. E ha l’agrodolce ricordo di un assolato pomeriggio di Sydney, e di una buia mattina di Londra. Quante cose, in pochi minuti di musica.

 

100 Happy Days – Settimana 12

26/10/2015: E’ da 75 giorni che tengo questo mini diario, e non ho ancora mollato. Già di per se una ragione sufficiente per essere felici! Specialmente se ripenso alle condizioni in cui mi trovavo quando sono partita… Ma è anche vero che la mia ragione di vita è mangiare, e quindi mi pregio di annotare tra i momenti felici la serata al ristorante italiano con un gruppetto di colleghi: ci siamo sfondati di bruschette, salumi, pizze e vino rosso, e mi sono fatta di quelle risate che se ci ripenso… Ancora rido!
Nota a margine: simpaticissimo non ha fatto neanche in tempo a tornare che già stressa. Temporeggio bevendo spuma.

27/10/2015: Son giorni impegnativi a lavoro, specialmente ora che capo si è ricordato che la prossima settimana parto per le vacanze, ed è entrato in stato di panico. Ma alla fine è anche bello, e piuttosto gratificante rendersi conto di quanto la gente qui ti reputi praticamente indispensabile (poveri stolti!). Abbiamo festeggiato il compleanno di A con i miei biscotti che sono andati a ruba, e dopo pilates sono andata a vedere il nuovo 007 con alcuni amici. Ero dubbiosa, perché per me, figlia di mio padre, 007 è solo Sean Connery, e Daniel Craig onestamente non mi pare sto gran figo. Ma il film mi è piaciuto, forse proprio per la ricchezza di omaggi ai vecchi Bond.

28/10/2015: Il momento della verità: pausa caffè con lui. Puntuale come una tassa, allo scadere dei 2 mesi di pausa da me richiesti, è tornato. La cosa merita un post a parte, ma il succo è che non mi è ancora passata del tutto, e ciò che mi rende felice oggi è il pensiero che settimana prossima partirò, e – volenti o nolenti – la pausa si prolungherà. Passando a momenti migliori, sono stata al pub quiz coi soliti e mi sono divertita un sacco, anche se come sempre siamo arrivati secondi, dannazione!

29/10/2015: Giornata di lavoro rilassante, ho schivato l’odiosa attività dell’intaglio delle zucche per Halloween (qui si fa anche questo, e io odio Halloween) ma allo stesso tempo ho passato 2 ore a cazzeggiare facendo foto agli “artisti”. Chi l’ha presa seriamente ha fatto davvero ottimi lavori. E poi è arrivata M a farmi compagnia per il weekend!

30/10/2015: U2, platea, seconda fila. Aggiungo altro? (post di approfondimento a seguire). C’era la merda ma mi sono divertita lo stesso, perché può esserci anche il demonio con me ma quando sul palco ci sono quei 4 vecchi io non ho più pensieri.

31/10/2015: Come detto sopra, a me Halloween fa cagare: non è una tradizione mia, non lo capisco e non mi piacciono le feste in maschera. Ma per quest’anno, essendoci anche M ospite (e lei adora le pagliacciate), ho fatto uno strappo alla regola e mi sono mezza mascherata. E’ stato divertente andare in giro con gli italiani a fare un po’ di casino in città, con le calze a righe da strega, un cappellino col teschio e un trucco che non si capiva se doveva essere da morte o da mimi. Abbiamo concluso alla festa di M. Arrivando con imbarazzante ritardo, abbiamo trovato la fine dei festeggiamenti e un po’ di rottura di balle, ma almeno il gesto io l’ho fatto. Che poi non mi si venga a dire che non sono di parola.

01/11/2015: Ecco, oggi è una giornata molto difficile. Sceso l’entusiasmo dell’amica in visita, il concerto, le feste… Mi sono svegliata stamattina che volevo solo piangere. Perché ovviamente, passando una serata con una persona che odi, e senza per una volta sentire il bisogno di prenderla a mazzate, mi sono tornati in mente i momenti belli, e sono seguiti i tanti perché. Mi ha salvato il compleanno di una collega, anche se era in un pub molto vicino alla di lui casa. Son stata un po’ in compagnia e ho detto due cazzate. Ora son di nuovo qui ammagonata, ma sto anche facendo la valigia per il mio viaggio. Mi sento un tantino schizofrenica.

100 Happy Days – Settimana 6

Riassuntini felici della settimana appena trascorsa.

 

14/09/2015: non c’è molto da stare allegri quando si lascia casa per tornare qui, soprattutto con un volo delle 8 di mattina che richiede sveglia alle 5:00 (le 500, come direbbe il Trio Medusa) per poter arrivare in ufficio senza prendere la mezza giornata di ferie. Ma ho visto un arcobaleno dall’aereo!

15/09/2015: ho ricominciato pilates. Non che avessi mai realmente smesso, ma nelle ultime 2-3 settimane avevo dato la priorità all’ipnosi e alla mia salute mentale. Ho constatato oggi che la combinata pilates-ipno è in realtà assai vincente. Ultimamente dormo un casino e sono entusiasta. Menzione speciale alla mia insegnante di pilates, che mi conosce da poco, ultimamente mi ha visto pochissimo, ma ha notato il mio taglio di capelli. (Ho anche visto un altro arcobaleno!)

16/09/2015: in giornate anonime come queste, di cosa ci si può rallegrare? La so! Ho prenotato il biglietto del treno per andare a Manchester nel weekend. Fuga continua.

17/09/2015: boh. Altra giornata poco saporita. Mi sto drogando di documentari di Alberto Angela. Suppongo sia bello quando si imparano nuove cose?

18/09/2015: la vita è più bella quando viaggi, e io lo so bene. Treno per Manchester, venerdì sera in città con L, che si è trasferita (o meglio, è tornata) qui da poco. Vincente!

19/09/2015: a Manchester oggi c’era un food festival, dove abbiamo passato qualche oretta ascoltando gruppi bizzarri, mangiando e bevendo anche piuttosto bene. A seguire un spritz col Campari (un po’ triste) e una serata al pub sgarruppato preferito di L. Terrazza con vista su un paesaggio urbano e uno splendido tramonto, gruppetti carini che suonavano. E un tizio che, attaccando bottone in maniera molto gentile e poco provolonica, ha commentato in maniera sconvolta la mia età: “Cosa???? Ma… ma io ti davo 21 anni al massimo!”. Grazie, sei il mio nuovo migliore amico! E poi mi ha salutato con un simpatico “Have a wonderful life”, che spero mi sia di buon auspicio.

20/09/2015: come sempre, tornare è un pacco. Ma il bello di oggi è stato il risveglio con calma, il giretto per il quartiere e il pranzo alle 16. La domenica dovrebbe essere sempre sinonimo di relax.

Il suono più bello del mondo

“Questo è il suono più bello del mondo!” ha urlato l’altra sera Bono mentre aggrediva il palco del PalaAlpitour di Torino all’inizio della serie di concerti europei dell’ Innocence + Experience Tour. E ha ragione. L’atmosfera è elettrizzante, di quelle da pelle d’oca per 2 ore.

Gli U2 si fanno vedere generalmente a cadenza quadri-quinquennale. Il tempo tra un tour e l’altro è sufficiente a dimenticare parzialmente quanto ti sei divertito la volta prima, e, di conseguenza, ogni volta che devi litigare con le code (ora virtuali e assai fastidiose) per accaparrarti un biglietto ti domandi chi diavolo te lo fa fare. Poi questi quattro ormai anzianotti e con un po’ di panza saltano sul palco con l’energia dei punk che erano 30 anni fa e ti ricordano immediatamente perché ti sei sbattuto tanto quasi un anno prima per essere tra i fortunati a presenziare a quella megafesta.

20150905_221957

La tempistica peraltro è stata involontariamente straordinaria. Il bisogno di trovarmi in un grande spazio dove poter ascoltare la musica che amo e cantare a squarciagola le canzoni che mi hanno accompagnata per tutta la vita era immenso. E’ stato liberatorio ed emozionante e semplicemente bello. Mi ha ricordato che sono viva, che sto bene, che c’è tanta energia qui dentro, e che bisogna capire solo come liberarla. (Ulteriori spunti di riflessione si trovano nel post di rO, che quando l’ho letto ho sorriso perché penso esattamente le stesse cose).

20150905_213603

Lo scemo causa attuale di tutti i miei mali ovviamente alla fine non è venuto. Qualche settimana fa, quando ancora ci raccontavamo la favola che prima o poi le cose si sarebbero sistemate, mi aveva detto che comunque non sarebbe venuto, non se la sentiva. “Niente di personale”, mi disse. Che poi non si capisce cosa volesse dire: aveva forse avuto qualche diverbio con Bono relativamente al nuovo album? Divergenze artistiche? O magari era solo una cagata pazzesca?
“Vengo al concerto grosso di Londra!”, aveva aggiunto. Povero pirla. Vedere gli U2 è un’esperienza esaltante. Vederli in Italia è un’esperienza mistica. Siamo notoriamente i fans più infoiati della terra, quelli che cantano più forte di tutti, quelli che cantano così forte che i tecnici devono ricalibrare i suoni. L’O2 sarà anche più figo del’ex palasport olimpico di Torino, ma per quanto riguarda l’atmosfera non ho proprio dubbi.
Alla luce degli ultimi avvenimenti, dubito anche che lo vedremo al “concerto grosso di Londra”. Ci pensavo fugacemente mentre uscivo dal palasport sabato, dopo la seconda data. Ci pensavo e mi muovevo a compassione, e mi dicevo che anche se lui è una persona orribile che difficilmente perdonerò, io sarei ancora più orribile se gli impedissi di vedere questo spettacolo.
La musica, l’arte e la bellezza vanno oltre me e lui, i nostri litigi e le nostre rotture. Ma chissà se arriverà a capirlo.
Di sicuro io il 30 ottobre so già dove mi troverò.

 

Are we so… Are we so helpless against the tide?

100 Happy Days – Settimana 4

Riassuntini felici della settimana appena trascorsa.

31/08/2015: ritornare qui non mi fornisce grandi spunti per essere felice. Meglio quindi concentrarsi sul caffè con gelato sorseggiato sulla riva del lago in località Gargnano. Come essere in una cartolina.

01/09/2015: il primo settembre è come il capodanno. Tutto pian piano ricomincia. Oggi ho preso la decisione più importante degli ultimi tempi: prendermi cura di me. Tutto il resto viene dopo.

02/09/2015: da oggi intervallo. Da oggi, forse, riuscirò ad avere finalmente quel tempo e quello spazio che mi servono per ricominciare a stare bene. Spero.

03/09/2015: oggi ho preso un aereo ad un orario improbabile e sono atterrata in Liguria. Non avrò dormito su di un letto, ma ho pisolato in spiaggia, che poi è uno di quei piccoli piaceri che purtroppo ci concediamo poco. Quanto è meraviglioso riposare cullati dallo sciabordio delle onde? Il mare è una medicina favolosa per l’anima.

04/09/2015: U2. Non devo dire altro. Saranno vecchi, saranno brutti, saranno rompipalle… Ma che razza di spettacoli mettono in piedi! Due ore e mezzo di emozioni pure, pelle d’oca e canti a squarciagola. La meraviglia.

05/09/2015: vedi sopra. Ho fatto la doppia, stavolta in posti migliori della sera prima. Stupendi sempre e comunque. Sunday Bloody Sunday mi ha fatto piangere. Se non è emozione vera questa… (inoltre, ho anche passeggiato per Torino, che amo, e sono salita per la prima volta sulla Mole. Viva le giornate da turista!)

06/09/2015: con le pive nel sacco mi sono riavviata verso la perfida Albione. Ma mi sono organizzata bene, e mi sono fermata a Londra per un brunch con amici. Serve sempre un po’ di carica prima di tornare in questo buco.